Il disastro di Montevicchi

Abbiamo parlato più volte della tremenda tempesta del 5 Marzo, che ha fatto registrare venti da record nella nostra vallata, soprattutto nei comuni di San Giustino e Sansepolcro. Ma in appennino cosa è successo?

Possiamo dire che le montagne sangiustinesi hanno ovviamente visto soffiare forti venti, ma probabilmente con intensità inferiore alle zone di pianura. Infatti salendo di quota non si notano particolari danni.

Discorso diverso per le colline sopra Sansepolcro, area risultata la più colpita di tutto il comprensorio. Si può ipotizzare che in questa zona il vento abbia raggiunto i 200 km/h, infatti il paesaggio è stato completamente stravolto e intere porzioni di bosco sono state rase al suolo.

Mappa sangiustinometeo san giustino vento 5 marzo 2015

Qui sotto le foto del disastro, scattate circa due mesi dopo la tempesta. Notare come i boschi di abeti siano stati danneggiati irreparabilmente, e i pochi alberi rimasti in piedi siano spogliati completamente dei rami. In alcune zone sono caduti anche numerosi cerri, fatto significativo che rende l’idea della forza della tempesta, in quanto a marzo erano ovviamente senza foglie e quindi offrivano poca resistenza al vento.

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo

Tempesta vento 5 Marzo 2015 Sansepolcro sangiustinometeo
Impietoso confronto tra il prima e il dopo, visto dallo stesso identico punto.

 

Precedente Arriva il caldo, ma il sole si farà desiderare Successivo La primavera entra in crisi, forte peggioramento alle porte

Comments Closed